Dottor Lorenzo Ponziani

Salute: quanto fa bene correre sulla spiaggia?

Salute: quanto fa bene correre sulla spiaggia?

Correre sulla spiaggia può essere romantico ma a lungo andare possono insorgere tendiniti e dolori muscolari soprattutto se non si è ben allenati.

Ogni stagione è giusta per fare attività fisica soprattutto se si ha la fortuna di abitare vicino al mare. C’è chi ama correre a piedi nudi, chi non rinuncia alle scarpe, chi corre solo sulla battigia e chi si affatica sulla sabbia. “Per quanto possa essere piacevole correre a piedi nudi sulla sabbia” dice Lorenzo Ponziani, primario del Reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Ceccarini di Riccione e dell’Ospedale Cerveresi (RN) “consiglio di usare sempre scarpe adeguate anche se si sceglie di correre su un terreno morbido come la sabbia.”

I benefici della corsa sono molteplici ma con alcuni accorgimenti:

1. Sempre correre con le scarpe in particolar modo su terreno morbido e non inclinato, e soprattutto se non si è allentati.

2. Attenzione alla battigia perchè è un terreno inclinato che provoca uno squilibrio sul carico dei piedi. Di conseguenza si possono insorgere problemi ai muscoli delle gambe che vengono sollecitati in modo differente, e alle ginocchia. “Avendo praticato il running sul lungo mare di Pescara, dove sono nato, è capitato anche a me. Correre sulla spiaggia è molto più faticoso che correre sul terreno piano perché si sprofonda un po’, mentre diverso è correre sulla sabbia bagnata. Ho sempre pensato che correre sulla spiaggia fosse romantico, a tutte le età. Però, quando, già a 30anni, e pur molto allenato, iniziarono i primi dolori, capii che dovevo cambiare terreno di corsa”.

3. Correre sulla sabbia è più faticoso e fa bruciare più calorie, ma può provocare tendiniti.

Meglio NON correre sulla battigia se..

– sei in sovrappeso: meglio una camminata veloce sulla spiaggia, si fa ugualmente fatica e le sollecitazioni su tendini e articolazioni sono minori

– non sei allenato: è più facile riportare lesioni tendinee e dolori muscolari

– hai più di 40 anni: aumenta il rischio di infiammazioni ai piedi, ai tendini peronei e alle ginocchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *